L’ingresso della Farvima nel capitale sociale della Sofad ha dato vita all'integrazione paritetica tra le due tipologie di operatori che maggiormente contraddistinguono il settore della distribuzione intermedia italiano, ossia, tra una società di titolari di farmacie ed una azienda privata.

L’innovativo processo di aggregazione, iniziato nel 2015 con l’acquisizione da parte della Farvima del 50% della cooperativa catanese, ha segnato un fondamentale traguardo lo scorso 23 maggio, data che ha visto l’unificazione del sistema informativo delle due aziende. 

La “fusione” dei due sistemi è stata realizzata in tempi record grazie al fatto che entrambe le aziende utilizzano il gestionale Difarm della Macrosoft; i processi di integrazione si sono svolti velocemente e senza ostacoli.
La centralizzazione della parte amministrativa, degli acquisti e delle strategie commerciali consentono una gestione omogenea ed ottimizzata di quello che è attualmente il principale gruppo del Sud Italia nella distribuzione intermedia del farmaco. 

In quest’ottica si è mossa anche la parte logistica con l’istallazione anche nel magazzino Sofad del software GeO della Macrosoft. 
Prossimo step è l’introduzione delle deviazioni dei prodotti mancanti tra i magazzini del gruppo, sistema già utilizzato dalla Farvima con logiche che consentono consegne puntuali ed efficienti su tutto il territorio nazionale.
In termini aggregati gli operatori raggiungono la soglia ragguardevole di 750 milioni di euro di fatturato, mettendo insieme 13 centri logistici distribuiti sull'intero territorio nazionale, con una presenza che, a seguito di quest'operazione, diviene particolarmente significativa nell'ambito della Regione Sicilia.